Isola Java

http://www.isolajava.com/

Sanità, intervento “live” in diretta mondiale (Ospedale e Sanità)

Sanità intervento live Duemila medici collegati con Latisana: in azione l’équipe del dottor Sorrentino. Il primario di chirurgia ha utilizzato una tecnica innovativa per colon e retto

LATISANA. Dalla sala chirurgica dell’ospedale di Latisana, un’operazione in diretta, seguita da oltre 2 mila medici, sparsi in tutto il mondo. Protagonista dell’intervento “live”, il primario della struttura operativa di chirurgia, il dottor Mario Sorrentino, invitato a compiere, in diretta, un delicato intervento di chirurgia laparoscopica mini-invasiva, su un paziente affetto da una complessa patologia del colon e del retto.

La diretta è stata trasmessa in occasione del 27º congresso internazionale di chirurgia dell’apparato digerente, prestigioso evento internazionale con sede organizzativa a Roma e che ha visto presenti in sede circa 2 mila chirurghi e collegati con il congresso una quindicina di centri italiani, europei e mondiali che si occupano del trattamento mini-invasivo delle patologie chirurgiche.

L’operazione è stata eseguita all’ospedale di Latisana, presidio che ha avuto l’onore di essere scelto dal congresso, per trasmettere in diretta l’intervento, utilizzando un innovativo dispositivo tecnologico mini-invasivo in 3D, che consente la riproduzione su monitor di immagini tridimensionali, consentendo così di ottenere una perfezione di visione del campo operatorio.

Come ci ha spiegato lo stesso dirigente medico, Mario Sorrentino, «questa nuova tecnologia rappresenta un importante passo avanti per la gestione di un intervento chirurgico. E offre – continua il medico – assoluti vantaggi, sia per il chirurgo, in termini di precisione e di ottimizzazione degli atti operatori, sia di conseguenza per il paziente stesso, al quale viene garantita la massima sicurezza, accanto ai noti vantaggi della chirurgia laparoscopica, tra i quali il più rapido ritorno alle normali attività quotidiane, la riduzione del dolore post-operatorio e il miglior risultato estetico».

Come ci conferma Sorrentino, primario della chirurgia di Latisana dal 2011, con all’attivo qualcosa come più di 5 mila interventi, molti dei quali condotti con tecniche mini-invasive, l’utilizzo del dispositivo per la laparoscopia tridimensionale è una pratica utilizzata da diverso tempo, nella struttura operativa dell’Azienda per l’assistenza sanitaria 2 Bassa Friulana-Isontina, che riunisce sotto un'unica equipe gli ospedali di Latisana e Palmanova, per degli interventi di chirurgia mini-invasiva.

«In particolare – spiega ancora il dirigente medico – per quegli interventi eseguiti in ambito di chirurgia oncologica, dell’apparato digerente e di urologia, tra cui i tumori del colon-retto, rene e prostata. Tanto che finora sono stati eseguiti oltre cinquanta interventi».

FONTE: MessaggeroVeneto - 29 Novembre 2016