Menù Principale

Chiudi il Webmaster

Chiudi Latisana Journal Notice

Chiudi Passatempo

Chiudi Sezione Erotica per Adulti

Chiudi Links e Banners

Chiudi Pubblicità Amici

Contatteci
WebTools - Scripts

Chiudi Dossier Antivirus

Chiudi Grafica & Design

Chiudi Guida PHP

Chiudi Guida ai Css

Chiudi Guide al Javascript

Chiudi HTML - XHTML - XML

Chiudi Software Programmi Utili

Chiudi Tools Webmaster

Chiudi Utilità Varie

Chiudi Utilità e Script in Flash

Chiudi Video Guide Manuali

Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 115

Username:

Password:

[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 6

Visite totali Visite totali: 1928662  

Webmaster - Infos

Ip: 3.89.87.12

Altri Miei Siti

Pubblicità Amici !
LegaNord Latisana il mio diabete anclignano pertegada calcio yorkshire susy


Don.Severino Valvason
il vostro Webmaster
NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Webmaster - Infos
Traduction Site
Lega Nord Latisana
Lega Nord Latisana

Mini Tchat
Entra in Chat
Eventi Calendario
Photo Gallery

Sondaggio
cosa pensi del Sito ?
 
Eccellente !
Ottimo
nella Media
Boh.....
C'è di Meglio
Risultati
Visites

   visitatori

   visitatori online

Blog Politik - Profughi e accoglienza

Profughi e accoglienza

Profughi distribuiti in tutti i comuni della provincia di Udine  -  da valvasev

accordo-piano-migranti In ogni centro da un minimo di 6 a un massimo di 60 migranti. L’aut aut dal capoluogo friulano: adesso va svuotata la Cavarzerani

UDINE. Da un minimo di 6 profughi per comune a un massimo di 60 passando per il caso-limite di Udine con 360: è questo il piano di riparto stilato del prefetto Vittorio Zappalorto, in ossequio all’accordo siglato tra Anci e Viminale, per la redistribuzione dei migranti sul territorio della provincia di Udine – la prima delle quattro su cui è stato definito il riparto – e inviato, nei giorni scorsi, a tutti i sindaci interessati.

Il piano dettagliato, a onor del vero, non rispetta in pieno la quota di 2,5 migranti ogni mille abitanti – cioè uno ogni 400 residenti – visto che, in totale, chiede ai Municipi la messa a disposizione di 2 mila e 62 posti per i richiedenti asilo – quindi uno ogni 250 abitanti –, ma punta, in ogni caso, a una presenza più equilibrata sul territorio dalla provincia.

Come da intesa siglata a Roma, inoltre, prevede una cosiddetta clausola di salvaguardia nei confronti di quei Comuni dove sono già attivi progetti di accoglienza Sprar, oppure per quelli che manifestano la volontà di aderirvi e che devono darne comunicazione alla Prefettura entro il 16 febbraio, nel caso in cui la quota di migranti soddisfi quella assegnata a ciascun Comune.

Al di là di questi casi – nei quali gli enti locali saranno esentati dall’attivazione di ulteriori forme di accoglienza –, dando un’occhiata alla tabella riportata in pagina si possono notare a quali Municipi saranno chiesti gli sforzi maggiori.

I due Comuni più “colpiti” sono Latisana e Tavagnacco che devono ricavare, rispettivamente, 55 e 44 nuovi posti per l’accoglienza, seguiti da Tolmezzo (39), Pasian di Prato (35) e San Giorgio di Nogaro (28). Un discorso a parte, poi, va fatto per Udine.

Il capoluogo friulano attualmente ospita 612 richiedenti asilo alla Cavarzerani, 52 alla Friuli, 61 in regime di Sprar e 305 (sui 350 posti a disposizione) con il sistema Aura per un totale di mille e 80 persone.

Il piano di riparto, però, assegna a Udine un totale di 360 profughi – invece dei circa 250 se fosse realmente rispettata la quota di 2,5 ogni mille abitanti – puntando a “liberare” la città di 720 migranti a condizione, beninteso, che Cavarzerani e Friuli non vengano considerati come due Cara che, quindi, esulano da patti e calcoli di redistribuzione.

Un’eventualità che l’assessore comunale all’Inclusione Sociale Antonella Nonino non vuole prendere in considerazione.

«La Prefettura assegna a Udine – ha dichiarato – una quota maggiore rispetto a quanto deciso da Anci e ministero dell’Interno. Va bene, siamo pronti ad accettare anche questo sacrificio, a condizione che sia l’ultimo.

Udine ha fatto, e continuerà a fare, la propria parte, ma adesso è arrivato il momento che la città sia affiancata dagli altri Comuni del Fvg. Il piano di riparto parla chiaro per cui è arrivato il momento che, pur con gradualità, le istituzioni svuotino Cavarzerani e Friuli dai richiedenti asilo».

FONTE: MessaggeroVeneto - 08 Febbraio 2017


Pubblicato il 09/02/2017 @ 22:13  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa tu il primo a farlo!

Rubriche

ChiudiLatisana e ambiente

ChiudiNei dintorni di Latisana

ChiudiOspedale e Sanità

ChiudiPolitica Comunale Latisana

ChiudiPolitica Re4gionale

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana


Post sul Blog
Archivi
09-2020 Ottobre 2020 11-2020
L M M G V S D
      01 02 03 04
05 06 07 08 09 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
Blog degli amici
 
Comunicazioni del Webmaster !
 
Slideshow notice
  • foghera-latisana..jpg

    Foghera Latisana

  • foghera-pertegada.jpg

    Foghera Pertegada

  • foghera-latisanotta.jpg

    Foghera Latisanotta

  • tesseramento-online.jpg

    Tesseramento 2015 Lega Nord online

  • foghera-sabbionera-paludo.jpg

    Foghera Sabbionera Paludo

 
^ Torna in alto ^