Menù Principale

Chiudi il Webmaster

Chiudi Latisana Journal Notice

Chiudi Passatempo

Chiudi Sezione Erotica per Adulti

Chiudi Links e Banners

Chiudi Pubblicità Amici

Contatteci
WebTools - Scripts

Chiudi Dossier Antivirus

Chiudi Grafica & Design

Chiudi Guida PHP

Chiudi Guida ai Css

Chiudi Guide al Javascript

Chiudi HTML - XHTML - XML

Chiudi Software Programmi Utili

Chiudi Tools Webmaster

Chiudi Utilità Varie

Chiudi Utilità e Script in Flash

Chiudi Video Guide Manuali

Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 98

Username:

Password:

[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 7

Visite totali Visite totali: 1631289  

Webmaster - Infos

Ip: 54.225.47.124

Altri Miei Siti

Pubblicità Amici !
LegaNord Latisana anclignano pertegada calcio yorkshire susy


Don.Severino Valvason
il vostro Webmaster
NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Webmaster - Infos
Traduction Site
Lega Nord Latisana
Lega Nord Latisana

Mini Tchat
Entra in Chat
Eventi Calendario
Photo Gallery

Sondaggio
cosa pensi del Sito ?
 
Eccellente !
Ottimo
nella Media
Boh.....
C'è di Meglio
Risultati
Visites

   visitatori

   visitatori online

Blog Politik - Profughi e accoglienza

Profughi e accoglienza

Profughi distribuiti in tutti i comuni della provincia di Udine  -  da valvasev

accordo-piano-migranti In ogni centro da un minimo di 6 a un massimo di 60 migranti. L’aut aut dal capoluogo friulano: adesso va svuotata la Cavarzerani

UDINE. Da un minimo di 6 profughi per comune a un massimo di 60 passando per il caso-limite di Udine con 360: è questo il piano di riparto stilato del prefetto Vittorio Zappalorto, in ossequio all’accordo siglato tra Anci e Viminale, per la redistribuzione dei migranti sul territorio della provincia di Udine – la prima delle quattro su cui è stato definito il riparto – e inviato, nei giorni scorsi, a tutti i sindaci interessati.

Il piano dettagliato, a onor del vero, non rispetta in pieno la quota di 2,5 migranti ogni mille abitanti – cioè uno ogni 400 residenti – visto che, in totale, chiede ai Municipi la messa a disposizione di 2 mila e 62 posti per i richiedenti asilo – quindi uno ogni 250 abitanti –, ma punta, in ogni caso, a una presenza più equilibrata sul territorio dalla provincia.

Come da intesa siglata a Roma, inoltre, prevede una cosiddetta clausola di salvaguardia nei confronti di quei Comuni dove sono già attivi progetti di accoglienza Sprar, oppure per quelli che manifestano la volontà di aderirvi e che devono darne comunicazione alla Prefettura entro il 16 febbraio, nel caso in cui la quota di migranti soddisfi quella assegnata a ciascun Comune.

Al di là di questi casi – nei quali gli enti locali saranno esentati dall’attivazione di ulteriori forme di accoglienza –, dando un’occhiata alla tabella riportata in pagina si possono notare a quali Municipi saranno chiesti gli sforzi maggiori.

I due Comuni più “colpiti” sono Latisana e Tavagnacco che devono ricavare, rispettivamente, 55 e 44 nuovi posti per l’accoglienza, seguiti da Tolmezzo (39), Pasian di Prato (35) e San Giorgio di Nogaro (28). Un discorso a parte, poi, va fatto per Udine.

Il capoluogo friulano attualmente ospita 612 richiedenti asilo alla Cavarzerani, 52 alla Friuli, 61 in regime di Sprar e 305 (sui 350 posti a disposizione) con il sistema Aura per un totale di mille e 80 persone.

Il piano di riparto, però, assegna a Udine un totale di 360 profughi – invece dei circa 250 se fosse realmente rispettata la quota di 2,5 ogni mille abitanti – puntando a “liberare” la città di 720 migranti a condizione, beninteso, che Cavarzerani e Friuli non vengano considerati come due Cara che, quindi, esulano da patti e calcoli di redistribuzione.

Un’eventualità che l’assessore comunale all’Inclusione Sociale Antonella Nonino non vuole prendere in considerazione.

«La Prefettura assegna a Udine – ha dichiarato – una quota maggiore rispetto a quanto deciso da Anci e ministero dell’Interno. Va bene, siamo pronti ad accettare anche questo sacrificio, a condizione che sia l’ultimo.

Udine ha fatto, e continuerà a fare, la propria parte, ma adesso è arrivato il momento che la città sia affiancata dagli altri Comuni del Fvg. Il piano di riparto parla chiaro per cui è arrivato il momento che, pur con gradualità, le istituzioni svuotino Cavarzerani e Friuli dai richiedenti asilo».

FONTE: MessaggeroVeneto - 08 Febbraio 2017


Pubblicato il 09/02/2017 @ 22:13  
Tutti i Post  Anteprima di stampa  Stampa pagina 


Commenti


Nessuno ha lasciato un commento.
Diventa il primo a farlo!

Rubriche

ChiudiLatisana e ambiente

ChiudiNei dintorni di Latisana

ChiudiOspedale e Sanità

ChiudiPolitica Comunale Latisana

ChiudiPolitica Re4gionale

ChiudiProfughi e accoglienza

ChiudiSicurezza Tagliamento a Latisana


Ultimi post sul Blog
Archivi
07-2017 Agosto 2017 09-2017
L M M G V S D
  01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
Blog degli amici
 
Comunicazioni del Webmaster !
 
Slideshow notice
  • tesseramento-online.jpg

    Tesseramento 2015 Lega Nord online

  • pontida-settembre-2017.jpg

    Pontida - Referendum e libertà domenica 17 settembre 2017

 
^ Torna in alto ^