Menù Principale

Chiudi il Webmaster

Chiudi Latisana Journal Notice

Chiudi Passatempo

Chiudi Sezione Erotica per Adulti

Chiudi Links e Banners

Chiudi Pubblicità Amici

WebTools - Scripts

Chiudi Dossier Antivirus

Chiudi Grafica & Design

Chiudi Guida PHP

Chiudi Guida ai Css

Chiudi Guide al Javascript

Chiudi HTML - XHTML - XML

Chiudi Software Programmi Utili

Chiudi Tools Webmaster

Chiudi Utilità Varie

Chiudi Utilità e Script in Flash

Chiudi Video Guide Manuali

Altri Miei Siti

Pubblicità Amici !
LegaNord Latisana anclignano pertegada calcio yorkshire susy


Don.Severino Valvason
il vostro Webmaster
Webmaster - Infos
Mini Tchat
Entra in Chat
Photo Gallery

Visites

   visitatori

   visitatori online

News


Dossi di rallentamento Niente dosso vicino alla scuola Il web insorge contro il Comune. Latisana, critiche dopo la decisione dell’amministrazione di non lasciarlo davanti all’istituto di viale Stazione Il rallentatore ora si trova in via Forte, a Pertegada: contrarietà e perplessità dei residenti su Facebook

LATISANA. Arrivano i dossi stradali. E si accende la polemica sull’opportunità, sulla funzionalità e soprattutto sulla scelta di dove posizionarli. Perché, saltata l’ipotesi di metterne uno davanti alla scuola primaria di viale Stazione nel capoluogo, il Comune di Latisana ha deciso di posizionare il dosso che “avanzava” in prossimità della curva di via Forte, in entrambi i sensi di marcia, nella frazione di Pertegada, provocando la reazione dei residenti che fra domenica e lunedì hanno affidato al web il loro malcontento per la scelta, definendo l’intervento inutile e pericoloso. Con un atto di fine febbraio, la giunta comunale aveva bloccato la realizzazione del rallentatore di velocità inizialmente previsto a Latisana, davanti alla scuola primaria, «in attesa degli opportuni approfondimenti alla luce dei recenti casi giurisprudenziali – si legge nella delibera votata dall’Esecutivo – e di realizzare, in sostituzione, un rallentatore di velocità in via Forte».

L’idea dell’amministrazione era di realizzare rallentatori della velocità su alcuni rettilinei stradali, davanti agli edifici scolastici e, per la precisione, alla scuola dell’infanzia, al nido e all’area verde di via Manin, a Gorgo, davanti alla scuola primaria di Pertegada, in via del Molo, e alla scuola dell’infanzia e all’area verde di via don Picotti, sempre a Pertegada. Obiettivo: limitare la velocità dei veicoli in zone che, per la loro conformazione, favoriscono l’aumento della velocità, creando pericolo per le persone.

Nell’elenco rientrava anche la scuola di viale Stazione, a Latisana, ma il disagio provocato dal dosso rallentatore, in particolare ai mezzi di pronto intervento, ha portato l’amministrazione comunale a desistere dal progetto, scegliendo in alternativa via Forte, a Pertegada, dove peraltro il dosso è già stato installato. E questo ha provocato la reazione dei residenti che, sulla pagina Facebook “Sei di Pertegada se...” hanno criticato la scelta.

«Quel dosso farà strage di motociclisti», è il primo dei commenti comparsi sulla pagina. «Sono troppo alti», aggiunge un altro utente. «Almeno potevano prima asfaltare la strada, con i buchi che ha devi già rallentare ogni momento», si legge in un altro dei commenti postati negli ultimi giorni. Critiche anche al dosso di via del Molo, soprattutto per la scelta di posizionarlo proprio davanti alla scuola.
Semmai – suggerisce il web – andava messo qualche metro prima. E ancora c’è qualche residente che propone di mettere dei rallentatori in altre strade, per esempio in via Casette, dove gli automobilisti passano a velocità elevata. Ma c’è anche chi apprezza l’intervento e richiama a moderare la velocità. «Così – si legge – non succede nulla nemmeno attraversando il dosso»
FONTE: ► MessaggeroVeneto 08 marzo 2016



rifiuti a pertegada.


Nelle casse del Comune finiscono 500 mila euro, centomila in più rispetto al 2014. L’automobilista più veloce andava a 160 km l’ora. E molti parcheggiano in sosta vietata

Multe a LatisanaLATISANA. A 160 chilometri orari, sulla strada regione 354, dove il limite è di 70. È lui il più veloce dei 1.183 “piloti” pizzicati nel corso del 2015 durante i controlli di prevenzione alla sicurezza stradale messi in atto dagli agenti del comando della Polizia locale del servizio intercomunale di Latisana e Ronchis, che hanno portato alla decurtazione di oltre 2.600 punti di patente.
Un controllo intensificato, nel corso degli ultimi dodici mesi, che ha portato il Comune di Latisana a incrementare di un terzo le entrate derivanti dalle multe per violazioni del Codice della strada: dai 330 mila euro del 2014, il 2015, con un totale di 2.584 violazioni accertate, ha chiuso a 438 mila euro - centomila in più dunque -, ai quali vanno aggiunti i 140 mila euro a ruolo per mancato pagamento nei termini di legge.

In aumento anche gli incidenti stradali rilevati: 26 in totale, 15 dei quali con lesioni alle persone, con conseguente ritiro di patente e una decina quelli che hanno prodotto almeno un verbale, in prevalenza per mancata precedenza.
Durante il 2015 gli uomini del Comando sono stati presenti con 267 postazioni di controllo dinamico, con autovelox o telelaser sul territorio comunale di Latisana. È ancora l’eccesso di velocità l’infrazione maggiormente commessa, con appunto oltre un migliaio di autovelox emessi, ai quali vanno aggiunti i 376 verbali per mancata comunicazione dei dati del conducente, non identificato all’atto dell’accertamento.

Rimane, inoltre, la cattiva abitudine di parcheggiare l’auto dove non si può, senza pagare il ticket o senza esporre il disco orario, con 805 preavvisi di sosta emessi lo scorso anno. Ulteriori 210 accertamenti riguardano in generale altre violazioni, fra le quali la guida senza cintura o usando il telefono cellulare, la mancata revisione dell’autoveicolo e la circolazione senza assicurazione.
Un’analisi dell’intensa e consistente attività svolta dagli agenti della Polizia locale è stata presentata dal comandante tenente colonnello, Eros Del Longo e dall’assessore comunale Maddalena Spagnolo, secondo la quale l’incremento dei servizi va letto in un’ottica di un sempre maggiore controllo del territorio, a tutela della sicurezza dei cittadini: «Nel corso dell’anno è stata anche promossa un’attività di prevenzione, con lezioni agli studenti delle nostre scuole - spiega la Spagnolo -, attività che quest’anno sarà ulteriormente aumentata, alla luce del finanziamento concesso dalla Regione che ci consentirà, oltre all’acquisto di nuovi mezzi e telecamere, l’attuazione di alcuni progetti tra i quali dei corsi di autodifesa destinati alle donne».
FONTE: Messaggero Veneto 8 gennaio 2016


InizioPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 ] SuccessivoFine
 
Comunicazioni del Webmaster !
 
Slideshow notice
  • tesseramento-online.jpg

    Tesseramento 2015 Lega Nord online

  • pontida-settembre-2017.jpg

    Pontida - Referendum e libertà domenica 17 settembre 2017

 
Contatteci
Connessione...
 Lista utenti registrati Utenti : 104

Username:

Password:

[ Registrazione ]


Utente online:  Utente online:
Anonimi online:  Anonimi online: 8

Visite totali Visite totali: 1661257  

Webmaster - Infos

Ip: 54.90.159.192

NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Traduction Site
Lega Nord Latisana
Lega Nord Latisana

Eventi Calendario
Sondaggio
cosa pensi del Sito ?
 
Eccellente !
Ottimo
nella Media
Boh.....
C'è di Meglio
Risultati
^ Torna in alto ^